News

Controllo regolarità imprese – molte anomalie sul semaforo rosso o verde

Da oltre un mese è possibile utilizzare la fase sperimentale della funzione dell’albo autotrasporto per la verifica della regolarità delle imprese di autotrasporto molte imprese  hanno verificato la regolarità con esito regolare mentre alcune  stanno invece riscontrando, delle anomalie  pagamenti di quote all’albo non registrati o per situazioni particolari presso la Camera di Commercio, tali da riportare “semaforo rosso” in corrispondenza del campo “Quota Iscrizione Albo” o “CCIAA” che determinano uno stato complessivo dell’impresa “Irregolare”.

In questi casi, le imprese interessate devono subito contattare gli uffici competenti, per risolvere le  anomalie e dimostrare la loro posizione regolare, entro il prossimo 30 settembre, in quanto dal 1° ottobre 2015 il campo “Stato complessivo dell’impresa” (posizione regolare o irregolare), sarà visibile ai committenti, che potranno eventualmente non dare nuovi contratti al vettore irregolare, con notevoli danni e ripercussioni economiche all’azienda di trasporto.

Per questi motivi invitiamo urgentemente tutte le imprese  a verificare, entro il 30 settembre prossimo, la regolarità sul portale dell’automobilista, per riscontrare la propria posizione regolare o meno. In caso di anomalie o posizioni irregolari, si suggerisce alle imprese interessate di attivarsi prontamente con gli Uffici competenti, per risolvere e modificare la propria posizione, entro il termine suindicato per risultare in posizione regolare per la data del 1° ottobre 2015, quando il portale sarà visibile da parte di tutti i committenti.

Tutte le aziende che dovessero riscontrare altre tipologie di anomalie, sono invitate a contattarci per segnalare al Comitato Centrale dell’albo Autotrasportatori eventuali errori, che non dipendono dalle imprese,  ma dalla gestione dell’intero sistema o da altre cause.

 

Related Posts

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.