News

Per la Cassazione non sono prova di straordinario i dischi cronotachigrafo

Lo straordinario? Il tachigrafo non basta a dimostrarlo. Lo ha ribadito una sentenza del 25 marzo scorso della Sezione lavoro della Corte di Cassazione.  La sentenza stabilisce che, per provare il lavoro straordinario prestato e la sua quantità effettiva, a un autotrasportatore non è sufficiente esibire unicamente i dischi cronotachigrafici, in originale o in fotocopia, quando l’azienda di trasporto datrice di lavoro contesti la veridicità delle registrazioni. C’è quindi bisogno di ulteriori elementi, anche se indiziari o presuntivi, esibiti dall’interessato o acquisiti dal giudice del lavoro nell’esercizio dei propri poteri istruttori. Solo con queste prove aggiuntive sarà poi possibile ricavare dalle memorizzazioni dei dispositivi le specifiche entità delle prestazioni lavorative.

Download “Sentenza-Cassazione-del-25-marzo-2016.pdf” Sentenza-Cassazione-6013-del-25-marzo-2016.pdf – Scaricato 1 volta – 59 KB

Related Posts

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.